DACCI OGGI IL NOSTRO PANE QUOTIDIANO

by Raffaelli Roberto on

Che cos’è questo pane che chiediamo?

«Davanti all’Eucaristia, a Gesù fattosi Pane, a questo Pane umile che racchiude il tutto della Chiesa, impariamo a benedire ciò che abbiamo, a lodare Dio, a benedire e a non maledire il nostro passato, a donare parole buone agli altri. […] lì c’è Dio racchiuso in un pezzetto di pane».

Papa Francesco, nell’omelia del 23 giugno 2019 per il Corpus Domini

Nella preghiera del Padre Nostro, il pane è un simbolo molto ricco di significati.

Ci parla di un elemento indispensabile per la sopravvivenza, specialmente ai tempi di Gesù dove per molti era l’unico cibo dei loro pranzi.

Anche oggi un bel panino imbottito lo mangiamo più volentieri di tante leccornie.

pubblicità occulta……. 🙂

Il pane sazia la fame che è un’ esigenza primaria di tutti gli uomini e le donne di ogni tempo; Gesù, proprio facendo riferimento a questo valore, parla di un pane altrettanto essenziale per un cristiano.


The Temptation of Christ by the Devil – Félix Joseph Barrias 1860

Nelle prime pagine del Vangelo di Matteo (cap.4 versetto 4), nel brano delle tentazioni, Gesù al diavolo, che lo invita a trasformare le pietre in pane per saziare la sua fame, risponde “non di solo pane vive l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”

Il pane per noi è la Parola di Dio.


Nel Vangelo di Giovanni (capitolo 6, versetto 35) Gesù dirà alla folla che lo seguiva

Il discorso della Montagna. Dipinto di Carl Heinrich Bloch

Io sono il pane della vita, chi viene a me non avrà più fame”

Il pane per noi è Gesù


Nell’ultima cena Gesù dopo aver benedetto il pane, lo spezzò e lo diede ai discepoli dicendo “Prendete e mangiatene tutti, questo è il mio corpo”

Il pane per noi è Gesù nell’Eucarestia.


Dicendo dunque  “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” chiediamo di avere in dono la Sua Parola: Gesù!

Accogliendo il dono della Sua Parola nasceranno scelte e stili di vita, come auspica Papa Francesco, capaci di vincere la povertà e la fame nel mondo.

“Il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci”, miniatura tratta da Libro di preghiere (1240 circa), British Library, Londra.

Infatti Gesù nel racconto della moltiplicazione dei pani di fronte alla necessità di mangiare della folla che lo seguiva dirà ai suoi discepoli “date voi da mangiare” e a partire dai “5 pani e due pesci”, messi generosamente a disposizione da un ragazzo, la folla sarà saziata.

Dunque la fame, la necessità di cibo, si vince con la condivisione, che nasce dall’essere “saziati” dalla Parola di Dio e da Gesù.

CaravaggioCena in Emmaus

lo riconobbero nello spezzare il pane…

Written by: Raffaelli Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.