‘sto Natale puoi?

by Raffaelli Roberto on

Da anni ormai di questi tempi la Bauli (per non fare pubblicità occulta ma spudorata nella speranza di incentivare le casse Parrocchiali 🙂 ) ci avrebbe bombardato col suo spot su tutte le reti, social e WhatsApp.


Invece?

Il primo regalo ce lo fa la Bauli!!!!

“MANCO” nell’ Anconetano sta per neanche e da il senso di “mancanza”

Forse dobbiamo focalizzare meglio sul regalo che ci ha fatto Gesù venendo al mondo?

In rete gira di tutto su questo Natale 2020, dal “parto prematuro” delle 20.00 al meme

Però gira anche questa riflessione:

Non ci sarà il Natale?
🌞🌲🌲🌲🌞

Certo che ce ne sarà uno!
Più silenzioso e più profondo,
più simile al primo Natale, quando è nato Gesù,
senza tante luci sulla terra
ma con la stella di Betlemme,
con le strade intermittenti
della vita nella sua immensità.
Niente impressionanti parate regali,
ma l’umiltà dei pastori alla ricerca della Verità.
Senza grandi banchetti,
ma con la presenza di un Dio onnipotente.

🌟 Non ci sarà il Natale?

Certo che ce ne sarà uno!
Senza le strade piene di gente,
ma con il cuore ardente per Colui che viene.
Niente chiasso né fanfara,
proteste e resse…
Ma vivendo il Mistero
senza paura del Covid-Erode,
che pretende di toglierci il sogno dell’attesa.
Natale ci sarà perché Dio-è-con-noi.
E noi condivideremo, come fece Cristo nella mangiatoia, la nostra povertà, la nostra prova, le nostre lacrime, la nostra angoscia e la nostra condizione di orfani. Ci sarà Natale perché abbiamo bisogno di questa luce divina in mezzo a tante tenebre. Il Covid-19 non può raggiungere il cuore e l’anima di quelli che pongono la loro speranza e il loro ideale in cielo.

✨ Certo che ci sarà Natale!
Canteremo i canti di Natale.
Dio nascerà e ci renderà liberi. ❤

(Padre Javier Loez, sacerdote di Pamplona in Spagna con il quale Papa Francesco si è complimentato a telefono per il testo)

Più silenzioso e più profondo

“E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: “Gloria a Dio nell’alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini che egli ama”

Luca capitolo 2 versetti 13 e 14

Proprio l’annuncio della Gloria di Dio è il primo regalo che ci fa Gesù.

Lo scorso anno, ai tempi in cui ci si poteva vedere in oratorio…, mettemmo in scena una Tombolata Animata ed una delle scene animate riguardavano proprio questo argomento, ora il periodo è diverso ma il testo è lo stesso:

Te potevi fa almeno la barba!!!!

più simile al primo Natale

come San Francesco quando per sentire su di se ciò che aveva provato Gesù riprodusse la grotta a Greccio (si quella volta che sì è inventato il Presepio!!!)

La foto ci riporta ad un altra bell’esperienza fatta lo scorso anno in oratorio: il presepe animato dai bambini del primo anno.

Forse quest’anno guardando il presepe dentro le nostre case, che a causa del distanziamento saranno più vuote del solito o più piene per la mancanza di spostamenti, è l’occasione buone per guardare negli occhi Gesù.

per riflettere sulla nostra esistenza. Se questo Gesù venuto al mondo a noi ha o no cambiato la vita.

con le strade intermittenti
della vita nella sua immensità

Paragonare le luci intermittenti alla nostra vita fatta di alti e bassi sarà pure scontato ma se pensiamo che Gesù è la stella cometa che ci guida nei momenti bui, lasciamoci allora avvolgere nella Sua Immensità.

✨ Certo che ci sarà Natale!
Canteremo i canti di Natale.
Dio nascerà e ci renderà liberi. ❤

Written by: Raffaelli Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.